Halachà 1 c

Da NachmanYomi.
(Differenze fra le revisioni)
(Nuova pagina: '''E questo''' è ciò che spiegano i nostri Rabanim, la loro memoria sia di benedizione, anche così da questo verso si comprende che la Keriat Shema' si può recitare in qualsiasi li...)
 
Riga 1: Riga 1:
'''E questo''' è ciò che spiegano i nostri Rabanim, la loro memoria sia di benedizione, anche così da questo verso si comprende che la Keriat Shema' si può recitare in qualsiasi lingua perchè “Ascolta” è tale in ogni lingua che tu parli (bBerachot 13b), poiché da dopo che necessariamente si abolisce il limite, e lì è tutto completamente “Bene” e non vi è per nulla il “Male” .Perciò il “male” che è nelle lingue delle nazioni decade e ienedistrutto, rimanendo solo il bene ,che si riveste della stessa lingua. Pertanto,in ogni lingua c'è del bene ivi nascosto, solo che il male lo sovrasta, perciò è opportuno che non ogni parola di santità venga detta nelle lingue delle nazioni. Ma la “Keriat Shema'” è secondo la Behinah dell'abolizione che è dunuq tutto “Bene”, come abbiamo visto. Perciò è permessa la “Keriat Shema'” in tutte le lingue, perchè il male decade e rimane solo il bene ,come sopra abbiamo detto. Perciò è alluso segretamente nella “Keriat Shema'” che c'è del bene in ogni lingua -in ogni nazione-come è scritto........ (CONTINUA===> WORK IN PROGRESS)
+
'''E questo''' è ciò che spiegano i nostri Rabanim, la loro memoria sia di benedizione, anche così da questo verso si comprende che la Keriat Shema' si può recitare in qualsiasi lingua perchè “Ascolta” è tale in ogni lingua che tu parli (bBerachot 13b), poiché da dopo che necessariamente si abolisce il limite, e lì è tutto completamente “Bene” e non vi è per nulla il “Male” .Perciò il “male” che è nelle lingue delle nazioni decade e viene distrutto, rimanendo solo il bene ,che si riveste della stessa lingua. Pertanto,in ogni lingua c'è del bene ivi nascosto, solo che il male lo sovrasta, perciò è opportuno che non ogni parola di santità venga detta nelle lingue delle nazioni. Ma la “Keriat Shema'” è secondo la Behinah dell'abolizione che è dunque tutto “Bene”, come abbiamo visto. Perciò è permessa la “Keriat Shema'” in tutte le lingue, perchè il male decade e rimane solo il bene ,come sopra abbiamo detto. Perciò è alluso segretamente nella “Keriat Shema'” che c'è del bene in ogni lingua -in ogni nazione-come è scritto (Deut.6) “VeHayù le totafot bein 'eneicha” (Saranno come frontali fra i tuoi occhi), ome dicono i nostri Maestri, la loro memoria sia di benedizione, (bMenachot 34b) “Tat” in coptico è “due” , “Pat” in dialetto dell'Africa è “due”, e questa è la Bechinnah della lingua santa che si riveste nelle lingue delle nazioni, come ha scritto il nostro Rebbe, (Liqutey Mohara”N § 33), di spiegare che attraverso la Keriat Shema', che è Bechinah dell'abolizione , come abbiamo visto, si rivelano le lettere della lingua santa e si rivestono nel resto delle lingue delle nazioni .

Versione delle 17:20, 1 giu 2009

E questo è ciò che spiegano i nostri Rabanim, la loro memoria sia di benedizione, anche così da questo verso si comprende che la Keriat Shema' si può recitare in qualsiasi lingua perchè “Ascolta” è tale in ogni lingua che tu parli (bBerachot 13b), poiché da dopo che necessariamente si abolisce il limite, e lì è tutto completamente “Bene” e non vi è per nulla il “Male” .Perciò il “male” che è nelle lingue delle nazioni decade e viene distrutto, rimanendo solo il bene ,che si riveste della stessa lingua. Pertanto,in ogni lingua c'è del bene ivi nascosto, solo che il male lo sovrasta, perciò è opportuno che non ogni parola di santità venga detta nelle lingue delle nazioni. Ma la “Keriat Shema'” è secondo la Behinah dell'abolizione che è dunque tutto “Bene”, come abbiamo visto. Perciò è permessa la “Keriat Shema'” in tutte le lingue, perchè il male decade e rimane solo il bene ,come sopra abbiamo detto. Perciò è alluso segretamente nella “Keriat Shema'” che c'è del bene in ogni lingua -in ogni nazione-come è scritto (Deut.6) “VeHayù le totafot bein 'eneicha” (Saranno come frontali fra i tuoi occhi), ome dicono i nostri Maestri, la loro memoria sia di benedizione, (bMenachot 34b) “Tat” in coptico è “due” , “Pat” in dialetto dell'Africa è “due”, e questa è la Bechinnah della lingua santa che si riveste nelle lingue delle nazioni, come ha scritto il nostro Rebbe, (Liqutey Mohara”N § 33), di spiegare che attraverso la Keriat Shema', che è Bechinah dell'abolizione , come abbiamo visto, si rivelano le lettere della lingua santa e si rivestono nel resto delle lingue delle nazioni .

Strumenti personali